Discorso sullo stato dell’Unione 2016: verso un’Europa migliore
2 girls 1 cup

ED Contact Centre

Ente Ospitante

Partner

Enti aderenti

Prodotti multimediali dell'EDIC Teramo

Presidenza del Consiglio dell'UE a Malta

Links Istituzioni

Traduzione Automatica

English Arabic Bulgarian Chinese (Simplified) Chinese (Traditional) Croatian Czech Danish Dutch Finnish French German Greek Hindi Italian Japanese Korean Norwegian Polish Portuguese Romanian Russian Spanish Swedish Catalan Filipino Hebrew Indonesian Latvian Lithuanian Serbian Slovak Slovenian Ukrainian Vietnamese Albanian Estonian Galician Hungarian Maltese Thai Turkish Persian
Home Page
Discorso sullo stato dell’Unione 2016: verso un’Europa migliore PDF Stampa E-mail

Lo scorso 14 settembre si è tenuto l'annuale discorso sullo stato dell'Unione del presidente della commissione europea : Jean Claude Juncker ha toccato vari temi tra cui immigrazione, Brexit, accordo sul clima, crescita economica, unificazione di Cipro, internet e copyright, disoccupazione, investimenti e altro ancora. "Un anno fa avevo detto che la situazione nell'Unione europea lasciava a desiderare, non c'era abbastanza Europa e non c'era abbastanza unione. A un anno di distanza questa constatazione in Europa resta. L’Unione non è in gran forma. Sono cambiate tante cose. Possiamo parlare di crisi esistenziale", ha detto lui in apertura del suo discorso, sostenendo inoltre che l'ambito in cui cooperiamo insieme è ancora troppo piccolo. L'integrazione europea non deve piegarsi agli interessi degli stati-nazione e l’Europa non può diventare un melting pot incolore. Non è mancato naturalmente un riferimento alla Brexit. "Rispettiamo e allo stesso tempo ci rammarichiamo della decisione del Regno Unito, ma la Ue in sé non è a rischio. Saremmo felici se la richiesta di lanciare l'articolo 50 avvenga il prima possibile", ha detto, in linea con quello che i leader europei sostengono da giugno, ovvero che si avvii il prima possibile la procedura di uscita, per non creare ulteriore instabilità all'Europa. Juncker ha inoltre toccato l'aspetto della disoccupazione, dei diritti sociali e delle divisioni interne. Per quanto riguarda l'immigrazione Juncker ha detto che è pronto "un ambizioso piano di investimenti per l'Africa da 44 miliardi di euro. Si può arrivare fino a 88 miliardi se gli Stati membri contribuiscono", ha detto spiegando che serviranno per migliorare le condizioni di vita nei paesi ed evitare che migliaia di persone siano costrette a intraprendere pericolosi viaggi per sfuggire a guerre, fame e dittature. 

 

http://ec.europa.eu/priorities/state-union-2016_en

 

Cerca nel sito

Sondaggi EDiC Te

Fonti di informazione

L'informazione sull'attività dell'Unione Europea la ottiene prevalentemente da:

» Vai al sondaggio »
Il sondaggio è chiuso da giorno Domenica, 30.Aprile 2017 (00:00)!

jVS by www.joomess.de.

Archivio Sondaggi

Fonti di informazione
L'informazione sull'attività dell'Unione Europea la...
541
Conoscenza dell'UE
Quanto ritiene di essere informato sull'Unione europea?
503

jVS by www.joomess.de.

EDiC TE 2.0

EDIC TE Web TV

Visite giornaliere


Visite ieri:137
Visite mensili3615
Pagine visitate oggi:1950
Pagine visitate questo mese:123299

Login Europa Network