L'UE è pronta per la banda larga senza fili sulle frequenze GSM
 

Europe Direct Abruzzo Nord-Ovest

Centro di Informazione della Commissione Europea

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri
Home Page

L'UE è pronta per la banda larga senza fili sulle frequenze GSM

E-mail Stampa PDF

nuova generazione serviziSulla Gazzetta ufficiale dell’Unione europea sono state pubblicate nuove misure che, consentendo l’utilizzo delle frequenze GSM da parte dei telefoni 3G, aprono la strada ad una nuova generazione di servizi mobili in Europa. Queste misure fanno seguito all’accordo raggiunto nel luglio scorso dal Parlamento europeo e dal Consiglio dei ministri UE al fine di modernizzare la normativa europea (la cosiddetta “direttiva GSM”) sull’uso dello spettro radio necessario per i servizi mobili.

Le nuove misure dell’UE favoriranno una maggiore concorrenza sul mercato europeo delle telecomunicazioni e consentiranno agli operatori di fornire più facilmente servizi paneuropei più rapidi, come l’Internet mobile, accanto ai servizi GSM attualmente disponibili. Esse contribuiranno inoltre all’introduzione di nuovi servizi a banda larga senza fili, uno dei motori della ripresa economica dell’UE.

La commissaria europea delle telecomunicazioni Viviane Reding ha dichiarato: “In piena recessione economica, il settore europeo della telefonia mobile ha ricevuto oggi un chiaro segnale di risoluto sostegno da parte dei responsabili politici. La nuova normativa europea pubblicata oggi riorganizza lo spettro radio nella banda GSM per nuovi servizi mobili, rafforza la concorrenza e consente al settore della telefonia mobile un risparmio fino a 1,6 miliardi di euro in costi di investimento.Questo è il tipo di decisioni con cui l’Europa provvede a conservare un vantaggio competitivo nel settore dei servizi senza fili.”

Le nuove norme europee sono il frutto degli sforzi della Commissione volti ad aprire la banda di frequenze GSM ad un maggior numero di servizi avanzati di comunicazione senza fili. Una decisione e una direttiva che aggiorna la direttiva GSM del 1987, pubblicate oggi nella Gazzetta ufficiale dell’UE, devono ora essere applicate in tutti e 27 gli Stati membri dell’Unione.

Le nuove norme consentono inoltre di adattare più facilmente l’attribuzione delle frequenze radio nella banda di 900 MHz per consentirne l’utilizzazione anche alle nuove tecnologie a banda larga ad alta velocità di quarta generazione.Gli apparecchi attuali continueranno a funzionare senza problemi ma potranno utilizzare nuove tecnologie per accedere a servizi a banda larga ad alta velocità.

Le norme avranno un effetto economico positivo sul settore e promuoveranno l’adozione di nuovi servizi senza fili, grazie alla diminuzione dei costi di rete derivanti dall’utilizzo di bande di frequenze più basse.

La nuova decisione della Commissione stabilisce i parametri tecnici che permettono la coesistenza del sistema GSM (telefoni cellulari di seconda generazione) e del sistema UMTS (telefoni di terza generazione, 3G, che aggiungono ai servizi telefonici normali l’Internet mobile ad alta velocità) sulle frequenze GSM di 900 e 1800 MHz in linea con la direttiva.Questa decisione è basata sulla decisione europea in materia di spettro radio, che istituisce un meccanismo per l’adozione di norme tecniche armonizzate in base alle proposte provenienti dagli esperti nazionali in materia di frequenze radio.

Le amministrazioni nazionali hanno ora sei mesi per recepire la direttiva e attuare la decisione in modo che le bande di frequenza dello spettro GSM siano pienamente disponibili per la 3G. Nell’aprire le licenze GSM esistenti, i regolatori nazionali dovranno esaminare le condizioni di concorrenza tra gli operatori di telefonia mobile e adottare provvedimenti contro eventuali distorsioni di concorrenza, conformemente alle norme comunitarie in materia di telecomunicazioni. La decisione prevede inoltre la possibilità di modifiche che permettano parametri tecnici d’uso per altri sistemi non GSM la cui compatibilità potrà essere verificata in una fase successiva.

Contesto

La direttiva GSM del 1987 riservava l’uso di una parte della banda di frequenza 900MHz alle tecnologie di accesso note sotto il nome di GSM (Global System for Mobile o, originariamente, Groupe Spécial Mobile), come ad esempio i telefoni cellulari.È stato però necessario aggiornarla per consentire l’uso di questa banda dello spettro da parte delle tecnologie senza fili più avanzate di nuova generazione.

Nel novembre 2008 la Commissione europea ha proposto di condividere con altre tecnologie più avanzate le frequenza assegante ai telefoni mobili, a partire dalla tecnologia mobile in banda larga di terza generazione UMTS (Universale Mobile Telecommunications System).

La proposta è stata approvata a maggio dal Parlamento europeo e a luglio dal Consiglio dei ministri.La direttiva aggiornata 2009/114/CE è stata firmata dai presidenti del Parlamento europeo e del Consiglio dei ministri nel mese di settembre.Essa è stata pubblicata oggi insieme alla decisione della Commissione nella Gazzetta ufficiale dell’Unione europea.

 

Ente Ospitante

Europe Direct Contact Centre

Prodotti multimediali EDIC

Pubblicazioni

Links utili

Presidenza Consiglio UE Finlandia

Elezioni europee 2019

Europa.eu

Lavorare in Europa

Corpo Europeo di Solidarietà

Servizio Volontario Europeo


English French German Russian Spanish

Cerca nel sito

Sondaggi EUROPE DIRECT

Conoscenza dei diritti

Quale dei seguenti diritti di cittadino europeo vorresti conoscere meglio?

» GO_TO_POLL »
VOTESCHONVORBEI

jVS by www.joomess.de.

Archivio Sondaggi

Conoscenza dei diritti
Quale dei seguenti diritti di cittadino europeo vorresti...
749
Competenze UE
In quali delle seguenti materie vorresti che l'UE avesse...
762
Efficacia politiche europee
Quale delle seguenti politiche europee ritieni più...
744
Mezzi di comunicazione
Quale dei seguenti mezzi ritieni più efficaci per...
889

jVS by www.joomess.de.

EUROPE DIRECT 2.0

Studio Europa